Società scientifiche

L'Associazione ha per scopi di:
1) promuovere la ricerca scientifica nel campo della psicologia giuridica in ogni suo aspetto e branca, anche in collaborazione con Enti e Organizzazioni scientifiche pubbliche e private, nazionali, estere ed internazionali; 
2) provvedere alla raccolta ed all'elaborazione di dati e di informazioni sull'argomento; 
3) organizzare congressi, convegni, simposi, workshop, giornate di studio e simili; 
4) promuovere lo sviluppo e la diffusione dell'insegnamento e della pratica della psicologia giuridica negli ambiti accademici, scientifici e tra i professionisti qualificati ad esercitarla, anche mediante la promozione e il riconoscimento di programmi di formazione professionale, scuole di specializzazione, corsi di aggiornamento, corsi di perfezionamento e simili; 
5) promuovere lo studio e la verifica dei criteri e delle metodiche idonee alla formazione professionale nonché lo studio, stesura e preparazione e aggiornamento di linee guida in ogni ambito della psicologia giuridica e delle sue applicazioni; 
6) curare, nei limiti consentiti dalla legge, i diritti e gli interessi dei propri associati compatibili con gli obiettivi dell’Associazione presso Autorità, anche giudiziarie, Enti e Istituzioni (compresi gli Ordini professionali), pubblici e privati, nazionali, esteri e internazionali; 
7) curare la pubblicazione e la diffusione di libri, riviste, articoli, newsletter, materiale audiovisivo, ecc.; 
8) stabilire contatti, collegamenti, convenzioni, collaborazioni con Enti pubblici e privati, nazionali, esteri e internazionali; 9) tutelare in ogni modo lo ritenga opportuno, anche mediante interventi presso gli Organi legislativi, amministrativi e giudiziari, di qualsiasi livello e grado, gli interessi della psicologia giuridica in genere e dei propri Soci in particolare; 
10) promuovere la valorizzazione della professionalità della psicologica giuridica e dei propri associati; 
11) curare la formazione e l'aggiornamento di un proprio Albo di esperti; 
12) specificare i requisiti, le mansioni e le competenze, nell’ambito della psicologia giuridica, di varie categorie e livelli professionali, quali trainers, supervisori, formatori, periti, consulenti, etc. 
13) svolgere qualsiasi altra attività ritenga opportuno per il progresso della psicologia giuridica in ambito nazionale e internazionale.

La Società Italiana di Criminologia (SIC) è un'associazione scientifica costituita in Roma il 18 febbraio 1957. Obiettivi della Società sono promozione e coordinamento degli studi sulle cause e sulla prevenzione del crimine, sul trattamento del delinquente, sul sostegno alle vittime, sulla reazione sociale ai comportamenti devianti, nonché all'acquisizione e al perfezionamento dei mezzi scientifici per l'attuazione di una adeguata politica criminale, efficace e rispettosa dei diritti dell'uomo. La Società si propone anche l'obiettivo di facilitare la collaborazione e il confronto tra diversi gruppi di ricerca organizzando congressi, seminari di studio, corsi e conferenze su tematiche relative alla criminalità e al controllo sociale, mantenendo rapporti con associazioni nazionali ed internazionali del settore al fine di diffondere gli studi criminologici e i risultati conseguiti.

La Società Italiana di Psicoterapia Strategica ha per scopi di:

  • Promuovere la ricerca scientifica nel campo della psicoterapia strategica in ogni suo aspetto e branca, nonchè lo studio e la verifica dei criteri e delle metodiche idonee alla formazione professionale nell’ambito della psicoterapia strategica e delle sue applicazioni;
  • Provvedere alla raccolta ed all’elaborazione di dati e di informazioni sull’argomento;
  • Organizzare congressi, convegni, simposi, workshop, giornate di studio e simili;
  • Promuovere lo sviluppo e la diffusione dell’insegnamento e della pratica della psicoterapia strategica negli ambiti accademici, scientifici e tra i professionisti qualificati ad esercitarla;
  • Riconoscere, sponsorizzare e patrocinare training, scuole e corsi di formazione professionale, scuole di specializzazione, corsi di aggiornamento, corsi di perfezionamento e simili, organizzati da altri organismi. In proposito è esclusa la gestione diretta di corsi di formazione e simili da parte della Società;
  • Riconoscere gli Istituti gestori delle attività di cui al precedente punto cinque;
  • Curare gli interessi dei propri Soci presso Autorità, Enti e Istituzioni (compresi gli ordini professionali), pubblici e privati, nazionali o internazionali;
  • Curare la pubblicazione e la diffusione di libri, riviste, articoli, newsletter, materiale audiovisivo, ecc. . Stabilire contatti, collegamenti, convenzioni, collaborazioni con Enti pubblici e privati, nazionali o internazionali;
  • Tutelare in ogni modo lo ritenga opportuno, anche mediante interventi presso gli Organi legislativi, amministrativi e giudiziari, di qualsiasi livello e grado, gli interessi dei propri Soci e degli psicoterapeuti ad approccio strategica in genere;
  • Promuovere la valorizzazione della professionalità della psicoterapia strategica e dei propri Soci;
  • Curare la formazione e l’aggiornamento di un proprio Albo professionale con l’indicazione delle notizie che riterrà opportune;
  • Specificare i requisiti, le mansioni e le competenze di varie categorie e livelli professionali, quali – ad esempio – trainer, supervisori, didatti, formatori, etc., a seconda di quanto ritenga opportuno;
  • Svolgere qualsiasi altra attività ritenga opportuno per il progresso della psicoterapia strategica in ambito nazionale e internazionale.

Scopi della Società:

a) promuovere la ricerca scientifica nel campo della psicologia giuridica in ogni suo aspetto e branca, nonché lo studio e la verifica dei criteri e delle metodiche idonee alla formazione professionale nell’ambito della psicologia giuridica e delle sue applicazioni;

b) provvedere alla raccolta ed all’elaborazione di dati e di informazioni sull’argomento;

c) organizzare congressi, convegni, simposi, workshop, giornate di studio e simili;

d) promuovere lo sviluppo e la diffusione dell’insegnamento e della pratica della psicologia giuridica negli ambiti accademici, scientifici nonchè tra i professionisti qualificati e di esercitarla anche mediante la promozione, il riconoscimento e l’organizzazione di traning di formazione professionale, scuole di specializzazione, corsi di aggiornamento, corsi di perfezionamento e simili;

e) curare gli interessi dei propri Soci presso Autorità, Enti e Istituzioni (compresi gli Ordini professionali), pubblici e privati, nazionali o internazionali;

f) curare la pubblicazione e la diffusione di libri, riviste, articoli, newsletter, materiale audiovisivo, ecc.;

g) stabilire contatti, collegamenti, convezioni, collaborazioni con Enti pubblici e privati, nazionali o internazionali;

h) tutelare in ogni modo lo ritenga opportuno, anche mediante interventi presso gli Organi legislativi, amministrativi e giudiziari, di qualsiasi livello e grado, gli interessi dei propri Soci e sessuologi in genere;

i) promuovere la valorizzazione della propria professionalità della psicologia giuridica e dei propri Soci;


l) curare la formazione e l’aggiornamento di un proprio Albo professionale con l’indicazione delle notizie che riterrà opportune;

m) specificare i requisiti, le mansioni e le competenze di varie categorie e livelli professionali, quali – ad esempio – trainers, supervisori, formatori, etc., a seconda di quanto ritenga opportuno per il progresso della psicologia giuridica in ambito nazionale e internazionale.

La Società, nell’ambito del conseguimento degli scopi sociali, riconosce in Italia i Corsi di Formazione in Psicologia Giuridica organizzati dal “G. P. G. – Gruppo di Psicologia Giuridica” di Roma, curandone l’organizzazione scientifica in base a quanto previsto dal Regolamento.

 

Dott.ssa Lia Parente